SRG SSR

FAQ

FAQ

  1. Chi deve pagare il canone?
  2. A quanto ammonta il canone radio-tv?
  3. Perché in Svizzera si paga un canone radio-tv più alto rispetto agli altri Paesi europei?
  4. Chi riscuote il canone?
  5. Ho diritto di non pagare più il canone se i programmi non sono di mio gradimento?
  6. Devo pagare il canone anche se ricevo soltanto reti estere via satellite, con la parabolica?
  7. Sono tenuto a pagare il canone anche se ricevo i programmi radio-tv via computer (Live Streaming)?
  8. Devo annunciare anche l’autoradio?
  9. Bisogna pagare un canone supplementare per le case di villeggiatura?
  10. Devo pagare il canone oltre all’abbonamento alla rete via cavo?
  11. Io ricevo prestazioni complementari e vorrei farmi esonerare dall’obbligo di pagare il canone. Cosa devo fare?

1. Chi deve pagare il canone?

In virtù della legge sulla radiotelevisione (LRTV), le persone residenti in Svizzera che captano programmi radio-tv sono tenute a pagare il canone d’abbonamento, indipendentemente dal tipo di trasmissioni che guardano o ascoltano o dai vettori utilizzati (antenna, cavo, satellite, telefono, cellulare, internet). A titolo di confronto: ha il diritto di guidare soltanto chi supera l’esame di guida. Per analogia, soltanto chi paga il canone radio-tv ha il diritto di ascoltare la radio o guardare la televisione. Chiunque, tuttavia, ha il diritto di comprare l’auto che preferisce. Idem per gli utenti radio-tv che possono scegliere liberamente se ricevere i programmi via cavo, satellite, antenna, telefono o internet. Sono esentati dalle tasse di ricezione soltanto gli aventi diritto AVS e AI che percepiscono prestazioni ai sensi della Legge federale sulle prestazioni complementari all’assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l’invalidità (LPC).

2. A quanto ammonta il canone radio-tv?

Per la ricezione privata, le tasse radiofoniche sono di CHF 165.00 all’anno, quelle televisive di CHF 286.10. 

L’importo del canone per la ricezione commerciale o professionale figura sul sito della Billag SA (www.billag.com)

3. Perché in Svizzera si paga un canone radio-tv più alto rispetto agli altri Paesi europei?

La SSR produce programmi equivalenti destinati alle quattro aree linguistiche del Paese, frutto di una volontà politica per garantire il servizio pubblico. Attualmente la gamma comprende complessivamente 7 reti televisive e 17 emittenti radiofoniche. Per un piccolo paese come la Svizzera, questa offerta è considerevole, ma assolutamente necessaria tenuto conto della concorrenza nazionale (per la radio) ed estera (per la televisione). In altri Stati europei – molti dei quali monolingue - il canone è ripartito su più economie domestiche, ergo l’importo che paga la singola persona è più basso. Inoltre, in alcuni Paesi le emittenti statali sono finanziate anche attraverso le entrate fiscali.

4. Chi riscuote il canone?

La riscossione del canone è di competenza della Billag SA. I moduli per la registrazione, la disdetta o modifiche d’indirizzo si trovano al sito www.billag.com.

5. Ho diritto di non pagare più il canone se i programmi non sono di mio gradimento?

Chiunque possegga un apparecchio radio e/o tv in attività è tenuto ad annunciarsi e a pagare il canone. Chi si sottrae all’obbligo di pagamento viene considerato abusivo e, dunque, sollecitato dalla Billag SA che può intentare una causa. Chi disdice l’abbonamento e continua a far uso di apparecchi radio e/o tv è punibile ai sensi dell’articolo 68 dell’attuale legge sulla radiotelevisione (LRTV).

6. Devo pagare il canone anche se ricevo soltanto reti estere via satellite, con la parabolica?

Il canone va versato alla Confederazione per il fatto stesso di captare programmi – non importa quali e come.

7. Sono tenuto a pagare il canone anche se ricevo i programmi radio-tv via computer (Live Streaming)?

Per principio, anche questa modalità di ricezione va registrata e, dunque, impone il pagamento del canone. Chi, tuttavia, avesse già annunciato una radio e/o un televisore, non deve farlo: il canone, infatti, viene calcolato per la singola economia domestica. Chi invece non si fosse annunciato né per la radio né per la televisione, dovrà farlo se

  • riceve programmi radiofonici con accesso internet via ISDN o banda larga (es. DSL, rete via cavo ecc.) e l’apposito software (es. Mediaplayer, RealOne Player).
  • riceve programmi tv con accesso internet via ISDN o banda larga (es. DSL, rete via cavo ecc.) e l’apposito software (es. Mediaplayer, RealOne Player); stipula di un abbonamento a pagamento per la ricezione di reti televisive oppure registrazione presso un provider che offre l’accesso gratuito a reti televisive.

8. Devo annunciare anche l’autoradio?

Bisogna annunciarsi e pagare il canone anche se si ascolta la radio soltanto con l’autoradio. Non, tuttavia, se sono già stati dichiarate le radio presenti all'interno della propria economia domestica.

9. Bisogna pagare un canone supplementare per le case di villeggiatura?

Se la casa non è data in affitto e se il proprietario ha già annunciato la ricezione privata nella sua abitazione pricipale, no. Se, invece, la casa viene data in affitto, occorre annunciarsi e pagare il canone commerciale (v. tabella al sito www.billag.com.

10. Devo pagare il canone oltre all’abbonamento alla rete via cavo?

La via cavo e il canone sono due cose distinte. Gli utenti della via cavo, dopo aver stipulato un contratto di diritto privato con gli operatori del settore, ricevono a casa loro una gamma di programmi con una certa qualità. Il canone, invece, viene pagato alla Confederazione per il fatto stesso di captare programmi radiofonici o televisivi.

11. Io ricevo prestazioni complementari e vorrei farmi esonerare dall’obbligo di pagare il canone. Cosa devo fare?

Le persone che in aggiunta alla propria rendita AVS/AI ricevono una prestazione complementare della Confederazione sono esentate dal pagamento del canone. A tale scopo devono inoltrare una richiesta scritta alla Billag SA, allegando copia della decisione della cassa di compensazione che attesti l’erogazione di prestazioni complementari.

Link

RSIRTRRTSSRFSWI